fbpx
0,00
  • Nessun prodotto nel carrello

I puzzle Springbok e l'arte

La storia del connubio fra puzzle e arte secondo Springbok
Puzzle Springbok Arte Artistici

Scopri la storia della nota compagnia americana di puzzle Springbok.
L’azienda che ha per prima introdotto il soggetto artistico nei puzzle e che ha capito che da questo connubio sarebbe potuto nascere davvero un prodotto vincente: il puzzle d’arte.

Il dopoguerra negli USA

I puzzle degli anni ’50 negli Stati Uniti d’America corrispondevano alla cultura del tempo.
La prosperità del dopoguerra, la presidenza di Eisenhower e il boom demografico era un sintomo diffuso di stabilità e tranquillità.
I puzzle riflettevano quella contentezza generale.
Marche come “Big Ben” di Milton Bradley, “Guild” di Whitman Publishing e “Perfect” di Consolidated Box proponevano opere d’arte tradizioni.
Le fotografie sceniche, le fattorie bucoliche e le vignette di interesse umano hanno continuato la tendenza di ciò che era stato popolare negli anni ’30.
Gli anni ’60, invece, portarono idee nuove e sconvolgenti.
Nella società americana, il decennio ha visto il movimento per i diritti civili, gli omicidi di Kennedy e di Martin Luther King, il programma “Great Society” di Lyndon Johnson, il primo sbarco sulla luna, la guerra in Vietnam, la liberazione femminile e il movemento hippy.
Questi grandi cambiamenti si sono riversati anche nel mondo dei puzzle, anche se in modalità molto differenti fra loro.

Gli inizi di Springbok

Springbok Editions è stata la società che, dal 1964, ha dato il via ad una nuova indonta di interesse nel mondo dei puzzle.
I proprietari Katie e Bob Lewin erano stati incuriositi dai puzzle circolati che John Waddington Ltd. produceva a Leeds, in Inghilterra.
All’inzio degli anni ’60, con l’assistenza tecnica di Waddington , Katie e Bob fondarono Springbok Edizioni per produrre puzzle fustellati per adulti negli Stati Uniti simili a quelli di John Waddington Ltd.

È interessante notare che la tecnologia stava tornando al punto di partenza: come Waddington apprese il business dei puzzle negli anni ’30 da Einson-Freeman di New York, ora i coniugi Lewin la apprendevano da lui.

La novità dei puzzle circolari e ottagonali di Springbok ebbe un forte impatto sul mercato.

I puzzle d’arte Springbok

Ma non fu la sola innovazione apportata.
Infatti un’altra mossa rivoluzionaria dell’azienda fu quella di concentrarsi sull’arte.
Springbok ha creato scalpore con il suo puzzle “Convergence”, un dipinto astratto di Jackson Pollock.

Pieno di chiazze e casuali sgocciolature di vernice, è stato proposto come “il più difficile puzzle del mondo”.
Questo puzzle catturò subito l’immaginazione del pubblico e vendette più di cento mila copie nel primo anno.

Springbok continuò a rompere gli schemi con immagini che non erano mai state apparse prima sui puzzle.

Puzzle Springbok Pollock Convergence

Katie Lewin andò alla ricerca in tutto il mondo di immagini sorprendenti che avrebbero reso i suoi puzzle stimolanti e interessanti.

“Sono andato attraverso musei con gli occhi da puzzle “, ha detto.

Oltre all’arte moderna, Katie Lewin selezionò soggetti insoliti come capolavori religiosi italiani del XV secolo, ricami Kabuki, fermacarte “millefiore”, mosaici romani, una carta astronomica vecchia di duecento anni, e squisiti piatti di porcellana cinese settecentesco.

I curatori dei musei erano molto lieti di collaborare a questo sforzo e fornirono commenti utili su come creare i puzzle Sprinbok.
Il successo del puzzle di Pollock ebbe anche un risvolto inaspettato.
I funzionari della Albright-Knox Gallery di Buffalo, dove si trovata il dipinto originale, rimasero sorpresi dal costante flusso di visitatori del museo che si avvicendavano per ammirarlo, dopo che avevano passato così tante ore a comporne il puzzle.

Katie Lewin commentò a proposito di questo avvenimento:

Capisci meglio un Jackson Pollock dopo aver realizzato il puzzle.

Grazie a puzzle con  dipinti affascinanti dai motivi graziosi e vivaci, Springbok fece appello ad una nazione sensibilizzata sulla questione ecologica dalla recente pubblicazione del libro di Rachel Carson, “Silent Spring”.

Puzzle Springbok Pocellane Cinesi
Puzzle Springbok Circolare Golf
Puzzle Springbok Circular

I puzzle Springbok non si rivolgevano solo agli intellettuali d’arte.
L’elemento di stravaganza e sorpresa dei puzzle Springboks diede una nuova vita ad un settore, quello dei puzzle, che dagli anni ’50 era finito nella monotonia e nella banalità.
Altri esempi dei soggetti che si potevano trovare stampati sui puzzle Sprinbok erano “Le migliori 18 buche da golf in America”, i titoli dei giornali parigini, Sherlock Holmes o i cappelli da donna.

L’innovazione dei puzzle Springbok

La compagnia fu anche la prima a soddisfare i fanatici, gli irriducibili che volevano semplicemente il puzzle più difficile senza considerare il quadro.
Springbok diede loro una serie di puzzle a tinta unita da 500 pezzi: “Little Red Riding Hood’s Hood” (tutto rosso), “Close-Up of the Three Bears” (tutto marrone), e “Snow White without the Seven Dwarfs” (tutto bianco).
I puzzle venderono bene sebbene non sia chiaro quanti siano stati effettivamente assemblati.

I Lewin non solo hanno trovato nuove e interessanti immagini per i loro puzzle, ma hanno usato tecniche litografiche all’avanguardia.
Bob Lewin aveva trascorso tutta la sua carriera nel settore della stampa.
Fece numerosi viaggi alla National Gallery di Londra e in altri musei per mettere a punto le prove litografiche fino a quando i loro colori corrispondessero esattamente ai dipinti originali.

Puzzle Springbok Innovativi

L’esperienza e il lavoro attento di Bob fecero sì che i puzzle Springbok superassero gli altri puzzle di cartone disponibili al momento.

Inoltre, la maggior parte delle scatole includeva diversi opuscoli: “14 Tips on Jigsaw Puzzling” (come assemblare i puzzle con successo), “The Puzzle Party” (inclusi suggerimenti per biscotti puzzle e pizza puzzle) e, ovviamente, alcuni che mostravano gli altri puzzle creati da Springbok.

La qualità comunque aveva un prezzo.
I puzzle di Springbok sono stati venduti da $ 3 a $ 3,50 in un momento in cui la maggior parte delle altre marche vendevano per meno di $ 1.
Ma una superba campagna pubblicitaria superò la riluttanza degli acquirenti a spendere di più.

Tutte le riviste settimanali e numerosi giornali in tutto il paese reclamizzavano Springbok e Katie Lewin che diventò famosa come la casalinga che divenne presidente della propria attività dopo che i suoi figli lasciarono casa.

La sua apparizione di venti minuti sul Today Show della NBC poco prima di Natale nel 1964 concesse alla compagnia un’esposizione nazionale gratuita che valeva una piccola fortuna.

Nel tempo Springbok diversificò i soggetti scelti, creando anche puzzle in legno per il mercato inglese.
Un puzzle in edizione speciale per Henri Bendel, il negozio di abbigliamento femminile di New York, fu venduto a $ 75.

Hallmark acquisisce Springbok

Hallmark Cards di Kansas City, Missouri, aveva tenuto d’occhio le edizioni Springbok sin dal suo inizio.
Hallmark aveva già realizzato alcuni puzzle in passato, tra cui una serie settimanale negli anni ’30 e alcuni biglietti di auguri con piccoli puzzle.
Da tempo desiderava commercializzare un’importante linea di puzzle per gli adulti nei suoi negozi Hallmark, ma era riluttante a sostenere i costi di sviluppo da zero.

L’acquisizione di Springbok Editions fu la soluzione.
Nel 1967 Hallmark fece ai Lewis un’offerta che non potevano rifiutare.
I coniugi Lewin continuarono a gestire la divisione Springbok per due anni.
Si ritirarono nel 1969, ma solo temporaneamente.

Nel giro di poche settimane Bob Lewin aveva avviato la Mill Pond Press a Venice, in Florida, per produrre in edizione limitata stampe di artisti della fauna selvatica e altri soggetti bucolici.
Mill Pond pubblicò anche alcuni puzzle in legno durante il decennio successivo.
Ma l’eredità di Springbok Editions non cessò con la cessione dell’azienda da parte dei Lewin.

Hallmark continuò a produrre i puzzle Springbok per oltre trentaquattro anni, utilizzando la stessa tecnologia di produzione di alta qualità.
Però, il nuovo proprietario si allontanò presto dall’arte museale, basandosi invece sulle immagini prodotte dal suo ampio staff di artisti interni.

Hallmark Puzzle Springbok

Hallmark ha smesso di produrre puzzle nel 2001, creando costernazione tra le orde di fan devoti di Springbok.
I “Bokker”, come si chiamavano, organizzarono una petizione online per cercare di far cambiare idea alla Hallmark.
La loro determinazione convinse Allied Products di Kansas City ad acquistare la linea nel 2002 e riportare sugli scaffali i puzzle di Springbok.

Il contributo dei puzzle Springbok

I puzzle Springbok hanno avuto un impatto enorme anche sui loro concorrenti, trasformando il mercato dei puzzle di cartone per adulti.

Alla fine degli anni ’60, importanti produttori come Milton Bradley, Whitman, Jaymar, Saalfield, Tuco e Warren stavano anche proponendo puzzle rotondi e ottagonali per il mercato di massa.
E. E Fairchild di Rochester, New York, commercializzava puzzle “Shape” con contorni irregolari.
Sebbene le aziende esistenti non rinunciassero ai loro puzzle di base, tutti stavano tentando di offrire una maggiore varietà di opere d’arte.

Springbok Editions ha portato una ventata d’aria fresca nel settore dei puzzle e ha dimostrato che la creatività è la chiave per attirare nuovi clienti, anche in momento storici avversi.

Articoli correlati

Affreschi pompeiani: festeggiamo una nuova apertura con un puzzle

Affreschi pompeiani: festeggiamo una nuova apertura con un puzzle

16 Marzo 2020
Un puzzle d’amore per la festa di San Valentino

Un puzzle d’amore per la festa di San Valentino

01 Febbraio 2020
I puzzle d’arte: l’età dell’oro americana

I puzzle d’arte: l’età dell’oro americana

21 Ottobre 2019

Lascia un commento

due × 5 =

Accedi Account

Sei già un cliente di Puzzle Arte?

Invaild email address.

6 or more characters, letters and numbers. Must contain at least one number.

Le tue informazioni non verranno condivise con terzi.