fbpx
0,00
  • Nessun prodotto nel carrello

Chagall

Scopri i puzzle Chagall

oppure leggi tante informazioni e curiosità su chagall

Novità 8.4% Hot
Chagall Vue De Paris
Puzzle Chagall Vue De Paris

Chagall Vue de Paris – Puzzle 1000 pezzi

0 out of 5
25,00 22,90

Stai risparmiando: 2,10 € (8.4%)


Puzzle Chagall

Attraverso il Puzzle Chagall Vue de Paris potrai scoprire l’arte del grande maestro contemporaneo.

Biografia di Chagall Marc

Marc Chagall nasce a Liosno il 7 luglio 1887, nella città di Vitebsk in Bielorussia. La sua famiglia era devotamente ebrea.
Suo padre lavorava in un magazzino di aringhe e sua madre gestiva un negozio di pesce, farina, zucchero e spezie.

Dal 1906 al 1909 studia pittura, prima a Vitebsk, poi alla Scuola della Società Imperiale per la Difesa delle Belle Arti di Pietroburgo, dove è allievo anche di Léon Bakst.

Nel 1910 si trasferisce a Parigi dove conosce le nuove correnti del momento, interessandosi particolarmente al Fauvismo e al Cubismo.

E’ proprio a Parigi che incontra i poeti d’avanguardia Blaise CendrarsMax Jacob e Guillaume Apollinaire, e alcuni promettenti pittori destinati a diventare famosi: Chaim SoutineRobert Delaunay, Amedeo Modigliani e Fernand Léger.

Chagall impiegava molto tempo a visitare gallerie e saloni, ma sopratutto il Louvre; Rembrandt, Renoir, Pissarro, Matisse, Courbet, Millet, Manet, Monet e Delacroix furono gli artisti che ammirò di più.

Chagall e Bella: storia di un amore surreale

Nel 1909, Chagall incontra Bella Rosenfeld, la figlia splendida ed educata di un gioielliere locale a San Pietroburgo. Bella aveva solo 14 anni e frequentava la scuola d’arte, infatti era troppo giovane per una relazione seria e, inoltre, Chagall non aveva soldi. Si fidanzarono, ma aspettarono fino al 1915 per sposarsi. Dal loro amore nacque la loro figlia Ida l’anno seguente.

Marc Chagall deve la sua arte alla sua musa e moglie Bella. La loro storia d’amore fu intensa, produttiva e influenzò la loro creatività.

Gpuzzle Chagall Bella

La chiave per leggere le tele del pittore è infatti l’amore della sua vita: Bella Rosenfeld, fonte d’ispirazione del suo Marc. È lei la donna in volo, l’amante in blu, la protagonista dei tanti capolavori dipinti da Chagall.

Bella morì nel 1944 a soli 49 anni.

L’artista cadde in una profonda depressione e per mesi smise di dipingere.
Seppure il pittore si sia risposato nel 1952, la sua seconda moglie, Valentina Brodsky apparve raramente nelle sue opere, e Bella continuò nel suo ruolo di musa ispiratrice.

L’arte di Chagall a Parigi

Nella capitale francese acquisì la tecnica del gouache messa in pratica per dipingere scene bielorusse considerato l’intenso e malinconico ricordo del suo paese. Dipingeva fino all’alba i suoi sogni, i motivi e i temi della cultura ebraica attingendo dai suoi ricordi di Vitebsk e di Bella, la sua amata.

A Parigi Marc Chagall rientra nel giro degli artisti, conosce Ambroise Vollard, che gli commissiona prima l’illustrazione di “Le Anime Morte” di Gogol e poi delle “Fiabe” di La Fontaine e allestisce una retrospettiva delle sue opere presso l’importante Galerie Barbazanges-Hodeberg.

Di questo periodo parigino sono i personaggi che ballano nel cielo, il bizzarro violinista altalenante su case di bambole in miniatura, gli amanti in blu, le sue scene di volo su Vitebsk, i suoi indefinibili animali o individui-fantasmi volatilizzati in cielo. Una smisurata sequenza di simboli che formeranno in seguito le basi per ispirare il Surrealismo.

Nel 1937 il pittore prende la cittadinanza francese e durante l’occupazione tedesca si rifugia con i suoi quadri nel sud della Francia, nella zona ancora libera, dove nel 1941 accoglie l’invito del Museo di Arte Moderna di New York e parte per l’America.

Chagall e l’America

Alla fine, nel luglio del 1941, con l’incessante espansione dell’antisemitismo, Chagall e la sua famiglia si rifugiarono negli Stati Uniti; la maggior parte dei primi anni li trascorse a New York. Per un po ‘Chagall continuò a sviluppare temi che aveva già trattato in Francia; opere tipiche di questo periodo sono la “Crocifissione gialla” (1943) e “Le piume e i fiori” (1943).

L’incontro con la musica e le commissioni per i Balletti di “Aleko” e per “l’Uccello di fuoco”, finiranno per rendere concreta attività la grande passione della sua vita per la musica.

Chagall ritorna a Parigi

Finita la Guerra, nel 1947, Marc Chagall ritorna a Parigi e, nel 1949, si stabilisce a Saint-Paul-de-Vence nel sud della Francia. Tre anni dopo si risposa.

Negli anni seguenti, importanti mostre gli vengono dedicate in tutto il mondo ed il pittore inizia una lunga serie di decorazioni di grandi strutture pubbliche.

Le opere più famose di Chagall

Le opere di Marc Chagall sono poesie su tela: i colori vivaci, i soggetti onirici e surreali, il tratto semplice e genuino lascia nello spettatore una sensazione di pace e serenità spingendolo a un’immediata empatia con l’autore.

Nonostante la vita di Chagall sia stata dura e l’artista abbia subito crudeli colpi dalla sorte, le sue opere, grazie ai colori brillanti ed energici, trasmettono ottimismo e felicità.

 Tra le opere più note di Chagall ci sono Compleanno, Il violinista e La Passeggiata.

La morte di Marc Chagall

Marc Chagall muore a Saint-Paul-de-Vence il 28 marzo 1985.

Puzzle Arte vuole ricordare Marc Chagall con alcuni suoi pensieri:

L’arte mi sembra essere soprattutto uno stato d’animo. Lo stile non è importante. Esprimersi lo è[…]Nelle nostre vite c’è un solo colore che dona senso all’arte e alla vita stessa. Il colore dell’amore[…]La pittura deve avere un contenuto psicologico. Io stronco sul nascere ogni mio impulso decorativo. Attenuo il bianco, amalgamo il blu con mille pensieri[…]La psiche deve trovare la propria via nei dipinti. Bisogna lavorare sul quadro pensando che qualcosa della propria anima entrerà a farne parte e gli darà sostanza.

Puzzle in offerta