fbpx
0,00
  • Nessun prodotto nel carrello

Puzzle la fontaine

La giovinezza e le prime opere

Il padre, sovrintendente di Château-Thierry, comune ad est di Parigi, avrebbe voluto per il figlio una vita clericale e quindi lo inserì nel 1641 nella Congregazione dell’Oratorio.

Tuttavia La Fontaine sviluppò fin da giovane l’amore per la letteratura e nel  1654 pubblicò il suo primo scritto basato su un adattamento dell’Eunuchus di Terenzio.

Dopo questo primo scritto e abbandonati  gli studi ecclesiastici si diede a vastissime letture e frequentò gli ambienti artistici e letterari di Reims e Parigi, dove si stabilì nel 1658.

Nella capitale francese iniziò a prestare servizio al ministro delle finanze Fouquet a quale gli il poema eroico Adonis (1658), ispirato a Ovidio, ottenendone in cambio una pensione. Tuttavia nel 1661 il suo protettore cadde in disgrazia, La Fontaine coraggiosamente prese le sue parti scrivendo in sua difesa L’elégie aux nymphes de vaux: questo lo fece cadere a sua volta in disgrazia e in gravi difficoltà finanziarie.

Alla fine del 1674 pubblicò i Contes et nouvelles en vers, un gruppo di racconti e novelle scritti in versi.Racconti e novelle in versi), ispirati a modelli italiani, soprattutto Ariosto e Boccaccio. I temi licenziosi (che gli procurarono la condanna reale nel 1675) erano ripresi con una certa freschezza, per quanto soffocata dalla regolarità del decasillabo e dell’ottonario. Tuttavia alcuni racconti sono pregevoli, come il celebre Joconde.

Le Favole di La Fontaine

Nel 1668 uscirono i primi sei libri delle “Favole scelte messe in versi”(Fables choisies mises en vers). Insieme ad esse uscirono anche le meravigliose illustrazioni di Chaveau. Ispirato da raccolte medievali e rinascimentali, il poeta superò tutti i suoi modelli toccando vertici di elegante brevità, varietà di toni e ritmi.

Fra le favole più celebri che scriverà nella sua vita citiamo sicuramente Il gallo e la volpe, Il corvo e la volpe, Il gatto e la tigre.

La morte è uno degli elementi ricorrenti nelle Favole, in associazione al diritto del più forte, senza però trascurare il senso di solidarietà e di pietà verso gli infelici.

Infatti dietro alle Favole di La Fontaine una delle morali complessive è l’accettazione completa della natura umana: ad esempio La Fontaine certamente non vuole dare ragione al lupo nella favola celeberrima, però ammette l’impossibilità di salvare l’agnello.

Il successo del libro fu enorme delle sue favole su enorme.

Accedi Account

Sei già un cliente di Puzzle Arte?

Invaild email address.

6 or more characters, letters and numbers. Must contain at least one number.

Le tue informazioni non verranno condivise con terzi.