fbpx
0,00
  • Nessun prodotto nel carrello

Puzzle world map – 1000 pezzi

20.1% Novità Hot

(*) Le proporzioni del puzzle ultimato potrebbero non rispecchiare perfettamente quelle dell’immagine riportata sulla scatola.

Puzzle world map – 1000 pezzi

15,90

Stai risparmiando: 4,00 € (20.1%)

Disponibile

DT75710VM01. Disponibile Categoria: .

Scopri lo stile dell’arte dei puzzle world map con la magnifica mappa di Henry Hondius del 1641 da 1000 pezzi della marca D-Toys.
Puzzle Arte grazie alla nuova splendida edizione della marca D-Toys è lieta di proporvi questo puzzle d’arte che rende omaggio al grandissimo artista disegnatore che con Mercatore disegna un’accurata mappa global: la NOVA TOTIUS TERRARUM ORBIS TABULA.

Informazioni aggiuntive

Numero pezzi

Marca

Difficoltà

Dimensioni puzzle

68 cm x 47 cm

Dimensioni scatola

38 cm x 26,5 cm x 5,5 cm

EAN

594750287571001

Artista

Caratteristiche del puzzle

La Puzzle World Map di Herny Hondius è una delle mappe del mondo più famose e riccamente dettagliate del diciassettesimo secolo

Grazie a questo meraviglioso puzzle d’arte da 1000 pezzi della marca D-Toys puoi scoprire tutta la bellezza delle mappe e delle opera d’arte della storia. Questo puzzle è adatto sia per i costruttori di puzzle più esperti, ma anche per i principianti grazie alle sua ricchezza di dettagli.
Henry Hondius, pubblica per la prima volta nell’edizione del 1630 dell’Atlante Mercator-Hondius la sua mappa. Essa include caratteristiche geografiche uniche e dettagli lussureggianti.
In basso a destra vi è scritta la data 1630, contrassegnandola come il primo stato della mappa.

Il Puzzle world map nel dettaglio

Il puzzle di Herny Hodius da 1000 pezzi della marca D-Toys è uno splendido esempio di puzzle d’arte  e di puzzle World Map.
Il puzzle in questione raffigura una delle mappe del mondo più famose e riccamente dettagliate di tutta la storia degli atlanti geografici antichi.

Grazie a questo meraviglioso puzzle d’arte da 1000 pezzi della marca D-Toys puoi scoprire tutta la bellezza delle mappe e delle opera d’arte della storia. Infatti la NOVA TOTIUS TERRARUM ORBIS TABULA  Mercatore-Hondius fu pubblicato per la prima volta dal padre del cartografo, Joducus Hondius.
Questo puzzle è perfetto per i costruttori che si stanno affacciando al mondo dei puzzle per i suoi colori e grazie alle sua ricchezza di dettagli. I colori del puzzle sono molto brillanti e i dettagli estremamente accurati e ricercati. I tasselli del puzzle sono robusti e l’incastro è eccellente.

Numero Pezzi Puzzle Numero pezzi1000 Marche Puzzle MarcaD-toys
Dimensioni Puzzle Dimensioni puzzle (cm)68 x 47 Dimensioni Scatola Puzzle Dimensioni scatola (cm)38 x 26,5 x 5,5

Descrizione dell’opera

La Puzzle World Map di Herny Hondius è una delle mappe del mondo più famose e riccamente dettagliate del diciassettesimo secolo

Henricus Hondius, pubblica per la prima volta nell’edizione del 1630 dell’Atlante Mercator-Hondius la sua mappa. Essa include caratteristiche geografiche uniche e dettagli lussureggianti.

In basso a destra vi è scritta la data 1630, contrassegnandola come il primo stato della mappa. Quattro stati di questa mappa sono stati notati tra il 1630 e il 1666. Come risultato della sua popolarità, la mappa servì come base per altri cartografi.
Infatti gli esempi di Hondius rimangono alcuni dei più dettagliati e precisi.

La mappa è impreziosita da illustrazioni stravaganti rendondola un eccellente esempio di cartografia olandese in stile barocco.
Infatti la mappa è delimitata da scene mitiche e animali fantastici, la mappa del mondo include affascinanti illustrazioni di navi a vela e pesci, mostri marini e draghi.

Il cartografo Henricus Hondius era figlio del famoso cartografo Joducus Hondius, il cui ritratto appare in basso a sinistra.
Inoltre la mappa include i ritratti di Gerardo Mercatore, Claudio Tolomeo e Giulio Cesare.
Questi ritratti non sono solo accattivanti e storicamente rilevanti, ma servono anche a stabilire la cartografia olandese, esemplificata da Hondius e Mercatore, accanto alla tradizione cartografica romana.

Oltre alle numerose bellissime illustrazioni e ai dettagli della mappa, si notano diverse caratteristiche geografiche incluse in questa mappa, tra cui la California come isola, le reti fluviali e i laghi del Nord America e la costa dell’Australia.

Nova Totius Terrarum Orbis Hendrik Hondius

Le mappe del mondo

Oggi le mappe sono considerate soprattutto strumenti di localizzazione o di navigazione. Che siano mappe cartacee o, più frequentemente, digitali , forniscono informazioni sui luoghi circostanti o ci guidano da un luogo all’altro con la massima rapidità ed efficienza.

Nel corso della storia, tuttavia, le mappe sono state usate per molti scopi. Infatti sin da quando l’umanità, 40.000 anni fa, ha iniziato a incidere graffiti sulle rocce più come un simbolo della propria esistenza che come strumento di orientamento.
Esaminare ciò che ci circonda da un punto di vista spaziale è un’attività umana fondamentale, che gli psicologi chiamano “mappatura cognitiva“. Mentre altri animali marcano il loro territorio, noi siamo l’unica specie capace di restituire cartograficamente quello in cui viviamo.

Il termine mappa fu usato per la prima volta in lingua inglese nel XVI secolo. La definizione di mappa è ampia e comprende anche tutte le diverse tradizioni culturali e i loro criteri cartografici: dalla pinax greca alla mappa latina, fino alla tu cinese e alla şūrah araba.

Claudio Tolomeo

Claudio Tolomeo fu il primo studioso classico ad applicare la geometria e la matematica allo studio della Terra. Scrisse un trattato intitolato Geographia nel 150 d.C. ca. in cui aveva elaborato un metodo scientifico per proiettare il globo terrestre su un foglio di carta (o, nel caso di Tolomeo, un papiro).
Il trattato definiva lo studio della geografia, spiegava come disegnare mappe regionali e di tutto il mondo usando i principi fondamentali della geometria e della matematica per creare due proiezioni principali, ed elencava 8.000 luoghi del mondo classico.

La proiezione di Tolomeo rimase fondamentale per i geografi ei cartografi dei millenni successivi.
Infatti Tolomeo introdusse un reticolo di base (griglia di coordinate) usando la latitudine e la longitudine derivate da secoli di dati greci, persiani, romani e arabi, e su questa base riportò in scala il mondo abitato, che chiamava ecumene.
L’immagine del mondo di Tolomeo si estendeva dalle isole Canarie, a ovest, alla moderna Corea, a est.
Il punto più a nord era Thule da alcuni identificato con qualche parte della Scandinavia o con le isole Orcadi, mentre quello più a sud era il Sahara
africano, unito all’Asia sudorientale.
Nella geografia di Tolomeo non c’erano né le Americhe né l’oceano Pacifico, l’ampiezza del mar Mediterraneo era sovrastimata e la circonferenza della Terra sottovalutata.
Le prime edizioni della Geographia che ci sono giunte, della fine del XIII secolo, sono bizantine. Per questo motivo gli studiosi si chiedono se Tolomeo avesse elaborato lui stesso una mappa.

Tolomeo Map

La NOVA TOTIUS TERRARUM ORBIS TABULA

L’atlente di Mercatore-Hondius fu pubblicato per la prima volta dal padre del cartografo, Joducus Hondius.

Joducus Hondius si assicurò le incisioni della mappa di Mercatore dai parenti di Mercatore e le ripubblicò, insieme al suo lavoro. L’atlante ha avuto un incredibile successo commerciale e la sua mappa del mondo è rimasta invariata dalla rappresentazione di Mercatore fino alla creazione di questa mappa da parte di Henricus Hondius e del partner Jan Jansson.

La mappa del mondo di Henricus Hondius è storicamente importante quanto  esteticamente piacevole. Ricca di dettagli geografici unici ed elementi illustrativi stravaganti.
Infatti questa mappa interesserà sicuramente qualsiasi collezionista di mappe del mondo degne di nota.

Giulio Cesare
Claudio Tolomeo
Nova Totius Terrarum Mercadore

Terra Australis Incognita

Tracciata in linee più deboli nella parte inferiore della mappa, appare la miticamente massiccia “Unknown Southern Land“, come era popolare nelle mappe di questo periodo di tempo.
Il nome del luogo Beach è incluso nella parte superiore della Terra Australis , un comune smarrimento di un’area in seguito ritenuta essere nell’Indocina o nella penisola malese.
Il toponimo ha avuto origine dagli scritti di Marco Polo.

La prova dell’esplorazione olandese a sud della Nuova Guinea verso l’Australia è chiara con l’inclusione di più nomi di luoghi costieri, incluso il nome “Keerweer “, disegnato su questa mappa come parte della Nuova Guinea.

Il navigatore olandese Willem Jansz (Janszoon), a bordo della sua nave Duyfken , divenne nel 1606 il primo europeo (documentato) a entrare in contatto con l’Australia.
Jansz non riuscì a vedere lo stretto di Torres che separava la Nuova Guinea e l’Australia, quindi scambiò la costa australiana come una continuazione della Nuova Guinea.
Jansz ha tracciato una mappa del lato occidentale di quello che sarebbe diventato noto come Cape York e il Golfo di Carpentaria, approdando un paio di volte e combattendo con la popolazione indigena.
Keerweer , in olandese per “tornare indietro”, è stato così chiamato come il sito che Willem Jansz ha deciso di tornare a Java con ciò che restava del suo equipaggio dopo un incontro particolarmente mortale con le popolazioni aborigene.

L’inclusione della costa australiana su questa mappa traccia l’inizio della conoscenza olandese del continente australiano, conservando un momento in cui “The Unknown Southern Land” stava diventando rapidamente noto.

L’Oirente di Hondius

La presenza olandese nel sud-est asiatico in questo momento era significativa, il che è facilmente visibile su questa mappa attraverso i suoi superbi dettagli dell’area.

Di nota su questa mappa è l’eccellente interpretazione iniziale delle Filippine, così come l’identificazione della Corea come un istmo, non un’isola come si credeva in precedenza. Il mare denominato “Mare Lant Chidol” è correttamente posizionato sotto Java, sebbene la trascrizione imprecisa del termine malese-giavanese ” Laut Kidul ” (Mare del Sud) sarebbe persistita nella tradizione cartografica europea per un bel po ‘di tempo.

 La California come isola

La California è mostrata qui come un’isola, riflettendo una credenza diffusa tra gli europei dal XVI al XVIII secolo. Dalla sua prima rappresentazione su una mappa stampata di Diego Gutiérrez, nel 1562, la California fu mostrata come parte del Nord America dai cartografi.

La creazione della California come isola fu molto probabilmente il risultato di una lettura del racconto di viaggio di Sebastian Vizcaino, che era stato inviato a nord sulla costa della California nel 1602. Un frate carmelitano che lo accompagnò in seguito descrisse la terra come un’isola, una descrizione pubblicata per la prima volta nella Monarquia Indiana di Juan Torquemada 1613 con i dettagli dell’isola un po ‘ridotti.

Nel 1620, molti cartografi scelsero di rappresentare la penisola come un’isola. Questi includevano l’autore di questa mappa, Henricus Hondius, che pubblicò la prima mappa dell’atlante concentrandosi esclusivamente sul Nord America con l’isola in primo piano nel 1636.

Oirente Hondius

Le Americhe: nuove rappresentazioni di caratteristiche geografiche

In Nord America, la sezione nord-orientale del Canada è stata ridisegnata in modo significativo dalle mappe precedenti e ora include l’isola di Baffin, indicata in questa mappa come “Queen Anne’s forland”.

Una prima concezione del fiume Mississippi e dei Grandi Laghi è presente nel continente nordamericano. Virginia e Florida hanno un nome in primo piano e, a nord, le regioni appena scoperte raggiunte da Henry Hudson sono identificate con il suo nome.

Viene mostrata una grande massa continentale occidentale identificata come Nova Albion (resa popolare dai resoconti di Sir Francis Drake), con Capo Mendocino che si estende a poche centinaia di miglia dal Giappone.

In Sud America, lo stretto di Le Maire appare ora a est dello stretto di Magellano. Lo stretto di Le Maire era stato scoperto solo quindici anni prima della pubblicazione del primo stato di questa mappa, quando Jacob Le Maire e Willem Schouten guidarono una circumnavigazione per minare il monopolio commerciale della Compagnia olandese delle Indie orientali

Nord America Hondius
Sad America.hondius

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Puzzle world map – 1000 pezzi”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puzzle per bambini in offerta